Menu

 

 

 

Cart

DA DISCORSO DIVINO DEL 12 FEBBRAIO 2020 SATSANG MATTUTINO, NAKHON PATHOM, THAILAND

Adi Shankaracharya disse:

shareeram suroopam tatha va kalatram

yashascharu chitram dhanam merutulyam

manashchenna lagnam guroranghripadme

tatah kim tatah kim tatah kim tatah kim

Anche se avete:

Shareeram suroopam – un corpo bello

Tatha va kalatram – un coniuge altrettanto (bella/o)

Yashashcharu chitram – una fulgiga e sbalorditiva reputazione

Dhanam merutulyam – una salute come il monte Meru

Manashchenna lagnam – ma con una mente non inquadrata/fusa/connessa Guroranghripadme – ai piedi di loto del guru

Tatah kim, tatah kim, tatah kim, tatah kim –a che serve, a che serve, a che serve (quale ne è l'uso)?

Questo è il concetto dei piedi del guru. Denota amore e servizio: un piedo è amore mentre l'altro è il servizio. Lasciano orme di amore e servizio - Ama tutti, Servi tutti. Anche se avete tutto in questo mondo, ma non avete quella devozione, allora a che serve avere tutto questo? Nulla può essere più salvifico della devozione!

Guru padukabhyam – Soltanto i piedi del guru possono salvarvi;

Ananta samsara samudra taram – e aiutarvi a superare questo grande oceano del samsara;

Naukayitabhyam guru bhaktitabhyam – la devozione per il guru è come la barca che vi permette di raggiungere l'altra sponda dell'oceano, serve lui per farvi trasformare da umano in Divino; fra le due sponde c'è l'oceano del samsara (la vita del mondo).

Come si può navigare sull'oceano del samsara senza affogare? Soltanto la barca del guru può trasportarvi con sicurezza. Cos'è la barca? La barca è la Bakti (devozione) ai piedi del guru. Tuttavia, la bhakti non è soltanto un rituale; la sua parte spirituale è quella di seguire gli insegnamenti del guru. Le due orme sono l'amore e il servizio.

La vera padaseva (servizio ai piedi di loto) viene con l'umiltà, la purezza e i sentimenti divini; che consentono di seguire il sentiero indicato dal guru. Cosa se ne fa lui di tutti i vostri mala, pooja, hara, pushpam (japa, preghiere, ghirlande e offerte di fiori)? I fiori che offrite oggi si appassiranno domani. La frutta che offrite oggi si marcirà domani e il cibo che offrite oggi sarà stantio domani. Che se ne fa il guru di tutto ciò?

La sua unica mire è portarvi verso il vostro guri, che è la vostra meta, ovvero realizzare la vostra divinità. Non ci sono altre ragioni per cui i guru facciano le cose.

Pertanto dovete essere molto accorti quando scegliete il vostro guru, come il guru è molto attento nello scegliere il suo discepolo. Entrambi devono stare attenti.

Che tipo di considerazione fa il guru? Un guru sceglierà quel discepolo che ha shraddha e bhakti (sincerità sia nei suoi scopi che nella devozione). Non ha altro metro di scelta. Non considererà la vostra ricchezza o quanto siate famosi, quante medaglie avete vinto e quanto siate rinomati. Non aderisce a nessuna di queste considerazioni mondane. Il guru guarda puramente a quanta shraddha e bhakti voi avete; niente altro.

Cosa deve cercare un discepolo in un guru? Ovviamente la panoramica è, prema o amore. Il suo amore deve essere incondizionato. Se l' amore del guru viene con delle condizioni, allora è una forma di egoismo e non deve essere nel quadro della scelta. La qualità del guru deve essere puramente amore incondizionato; che sia rivolto soltanto il più alto benessere del discepolo. Il guru non deve avere interessi in niente altro. Con questo contesto se voi amate il vostro guru e il vostro guru vi ama per la vostra bhakti e shraddha e vi benedice, tutto è possibile.

È triste che nessuno possa raggiungere Dio senza un guru.

Audiolibro Sai Uvacha Vol.2


SCARICA GRATUITAMENTE IL FILE AUDIO .WMA

(file compresso .zip 214Mb.)

Audiolibro Sai Uvacha Vol.1


SCARICA GRATUITAMENTE IL FILE AUDIO .MP3

(file compresso .zip 720Mb.)

New Official Website Links

Log In or Register