Menu

 

 

 

Cart

D & R estratti - SAIPRAKASHANA.COM/IT

D Ogni volta che cerchiamo di meditare, la mente prende direzioni diverse. Come la manteniamo calma?

R Swami: E' la natura stessa della mente che la spinge a dirigersi verso l'esterno. Non è fatta per guardare dentro. E' difficile condurla all'interno, questa è la sfida. La vita è una sfida, affrontatela. La mente è la causa della propria schiavitù così come della liberazione. Prima di tutto abbandonate l'illusione di dover diventare qualcosa, perché già lo siete. Tutto ciò che dovete fare è rimuovere la polvere e la ruggine. Purezza, pazienza e perseveranza sono le tre cose richieste per avanzare veramente lungo il cammino della meditazione. Non arrendetevi! Sedetevi sempre nello stesso posto, davanti allo stesso altare, sullo stesso tappetino, alla stessa ora, questo allenerà la vostra mente a raggiungere subito uno stato di assenza di pensieri e praticate con costanza. Inoltre quando siete seduti non muovetevi. La stabilità del corpo condurrà alla stabilità della mente. Infine, ed è la cosa più importante, mantenete il silenzio, esternamente e internamente. Dovete imparare a ritirare i vostri sensi, i cinque sensi d'azione e i cinque sensi di percezione. State lontani da ogni tipo di rumore allora seguirà anche il silenzio interiore. Controllare i sensi esterni di udito, vista, olfatto, gusto e tatto vi aiuterà a escludere anche i sensi interiori. Non arrendetevi! Non abbandonate il vostro impegno finché non raggiungerete l'obbiettivo.


Uvacha Volume 2 Discorso Divino del 12 Settembre 2014 a Singapore

D Swami in passato, il darshan era meditazione. Ora la meditazione è darshan. Abbiamo provato a meditare ma, a causa dei nostri difetti e delle distrazioni, non riusciamo a perseverare nella meditazione. Ti prego di trasmetterci un semplice modo di meditare attraverso il quale possiamo trovarti dentro di noi.

R Swami: La meditazione è già semplice! Non avete bisogno di un modo più semplice di meditare. Voi avete i Pancha Karmendriyas (cinque sensi d’azione) e i Pancha Jnanemdriyas (cinque sensi di percezione). La meditazione consiste nell’annullare tutti e dieci questi sensi. Se riuscite per un attimo, a smettere di usare tutti e dieci questi sensi, allora andrete nello stato di meditazione, in cui nessun pensiero vi disturberà. Dovete trovare un angolo tranquillo. Se volete che Dio si rifletta nel vostro cuore, la vostra mente deve essere pura e calma. Dovete avere pazienza, in modo che il fango si depositi e l’acqua diventi calma. La maggior parte delle persone che ricorrono alla meditazione si attende risultati immediati. Non hanno la pazienza di aspettare che le acque della mente diventino limpide e quiete. Sviluppate la purezza se volete vedere e sentire Dio dentro di voi e abbiate la pazienza di attendere i risultati. Perseverate e alla fine ci riuscirete, ma ci vuole tempo. E’ facile isolarsi dai sensi fisici, ma è molto difficile chiudere le porte della mente. Ci vuole tempo per raggiungere lo stato di assenza di pensiero. Non dieci giorni, non dieci anni, non dieci nascite, ci possono volere anche cento nascite! Se incontrate persone che hanno raggiunto lo stato di calma e purezza mentale, sappiate che ciò non è dovuto soltanto a questa nascita. Potrebbe essere il risultato di uno sforzo incessante nel corso di molte vite.


Uvacha Volume 1 Discorso Divino del 16 Maggio 2014 a Kodaikanal

D Quale mantra ci aiuterà a calmare la nostra mente e ad avvicinarci di più a Dio?

R Swami: Non ho mai dato mantra e non lo farò mai. Seva (servizio) e Prema (amore) sono come le due ali un uccello, che possono aiutarlo a volare. Allo stesso modo, servizio e amore possono aiutarvi spiritualmente purificando, calmando la vostra mente portandovi più vicino a Dio. Dovete sviluppare sia l'amore per il Signore sia l'inclinazione al servizio. Questo è il mantra adatto per Kali Yuga.


Uvacha Volume 1 Discorso Divino del 22 Giugno 2014 a Singapore

D Swami, come posso controllare la mia mente e l'ego?

R Swami: L'ego è il sentimento dell'Io. Ci sono tre stadi di ego: il piccolo Io e il corpo, il medio Io e la mente, il più grande Io e il divino Io, è la Divinità o il Se. Il modo migliore di liberarsi dell'ego è iniziare a pensare che voi siete il servitore del Signore, cioè il dipendente del Signore. Ogni cosa che vi è stata data, vi è stata data dal Signore e voi siete qui solo per farne uso in modo dharmico, senza fare del male a nessuno e aiutando gli altri. Lentamente dovreste sviluppare questo sentimento: " Io non sono soltanto un dipendente del Signore. Io sono suo figlio. Egli è mio padre". Allora l'ego diverrà qualificato, ossia, si trasformerà da più umano in più divino. Infine, un giorno, realizzerete che voi e vostro Padre siete Uno. Anche voi siete divini. Ci vuole tempo.


Uvacha Volume 1 Discorso Divino del 19 Maggio 2014 a Kodaikanal

D Swami, come possiamo distaccarci dai desideri mondani?

R Swami: La vita è come un contenitore. Se lo riempite d'acqua allora non c'è spazio per il latte. Se lo riempite di latte non c'è posto per l'acqua. Più il mondo entra e meno posto c'è per Dio. Più Dio entra e meno posto ci sarà per il mondo. L'attaccamento a tutte le altre cose sorge a causa dell'instabilità della mente. La mente ha l'abitudine di correre verso l'esterno. Non vuole andare verso l'interno. Questa è la natura della mente. Si può imparare a distaccarsi addestrando la mente. Tutte queste cose devono essere imparate in un certo periodo di tempo. Vi suggerisco di stare attenti. Nel momento in cui avete un pensiero negativo, osservatevi. In ogni momento, dovete sorvegliare le vostre parole, azioni, pensieri, carattere e cuore. Ciò che state pensando, ciò che state dicendo, ciò che state provando, ciò che state facendo e dove state andando, sono tutte cose che vanno sorvegliate continuamente. Dovete esercitarvi.


Uvacha Volume 1 Discorso Divino del 19 Maggio 2014 a Kodaikanal

D Come ci possiamo abbandonare completamente e veramente a te, nella pratica e nella quotidianità?

R Swami: Qualsiasi cosa tu faccia nella vita, chiedi a me. Quando mi fai una domanda, la prima risposta che ricevi da dentro è la mia voce. Seguila. Non discutere o dibattere. Semplicemente fallo. Questo condurrà all'annicchilimento della mente e dell'ego. Dovresti domandare a me prima di fare qualsiasi cosa e fare soltanto ciò che ti dice il cuore. Se pratichi questa disciplina ogni giorno in ogni atto, svilupperai l'abbandono.


Uvacha Volume 1 Discorso Divino del 27 Agosto 2014 a Londra

D Come possono le nostre menti, i nostri pensieri e il cuore essere in sintonia con Swami?.

R Swami: Cosa fate quando offrite un regalo? Dovete lasciare andare il regalo in modo che l'altra persona possa riceverlo. Perciò, lasciate andare! Lasciate andare! Lasciatelo! Abbandonate completamente a Dio la vostra mente e non chiedete che vi venga restituita. Non cominciate di nuovo a pensare per conto vostro. Questo lasciar andare è molto importante nella spiritualità. Se trattenete la mente, come potete consegnarla a Dio? Dovete abbandonarla. Tenere strette le cose, siano esse il vostro nome, la fama, la ricchezza, la famiglia, il rispetto o qualunque altro valore è la ragione per la quale la vostra mente non riesce a sintonizzarsi su Swami. Se lasciate completamente a Swami tutte queste cose, riuscirete davvero ad essere in sintonia con Lui. Ciò richiede la straordinaria fede nel fatto che Swami si occuperà per voi di tutto. Quindi non c'è alcun motivo che pensiate da soli al vostro benessere in quanto Swami si occuperà di ogni cosa.


Uvacha Volume 1 Discorso Divino del 22 Giugno 2014 a Singapore

D Troviamo molto difficile gestire la commedia della vita e ci sentiamo demoralizzati per esserne totalmente esclusi. Siamo incapaci di sperimentare il tuo amore. E' molto difficile seguire il cammino. Perfavore aiutaci e guidaci a seguire il sentiero dell'amore.

R Swami: Un soldato viene addestrato soltanto per afforntare la battaglia. Se un soldato è molto felice perchè non c'è battaglia non si può verificare la sua abilità. Vi ho insegnato l'amore, ma esso viene messo alla prova soltanto quando affrontate una situazione difficile. Dite a voi stessi: "Se mi è successo ciò, è avvenuto con il consenso di Swami. C'è qualcosa che Swami vuole che io apprenda. Adesso posso mettere in pratica ciò che ho imparato". Fatelo pensando sempre: ‘Mi è accaduto e Swami lo sapeva e questa è soltanto una prova’."


Uvacha Volume 2 Discorso Divino del 12 Settembre 2014 a Singapore

D Quando ritorniamo alla nostra vita di tutti i giorni, compiamo degli errori e ci sentiamo molto in colpa. Come possiamo superare questo problema?

R Swami: Le zanzare verranno, vi succhieranno il sangue e lo infetteranno con molte malattie, come l'ego, l'odio e l'invidia. Quindi, dovete pronunciare continuamente il nome 'Sai Ram'. Dovete comprendere il potere e la recitazione del nome di Dio. Il Namasmarama (ripezione del nome del Signore) da solo non è sufficiente. Insieme alla ripetizione del nome, dovete continuare anche a compiere il servizio. Quando sono presenti entrambi, allora c'è satsang, ovunque andiate, abbiate buoni amici. Se gli amici non sono buoni, meglio farne a meno. Un vero amico è chi vi porta più vicino a Dio. Se avete Dio come priorità, tutte le altre cose scompariranno. Continuate a distinguere ciò che è permanente da ciò che è temporaneo. Dovreste sapere per ogni pensiero che vi viene in mente se esso è necessario o inutile. Usate la vostra discriminazione, solo così potete essere buoni.


Uvacha Volume 3 Discorso Divino del 7 Dicembre 2014 a Muddenahalli

D Praticanti di alcune fedi credono che esista soltanto una via per arrivare a Dio e non altre. Potresti spiegarci questo atteggiamento, per cortesia?

R Swami: L’ignoranza fa credere che ci sia una sola strada e non altre. Ci sono vie e strumenti diversi per raggiungere la stessa destinazione, quest’ignoranza deriva dall’attaccamento. Molti vogliono dimostrare agli altri che ciò che pensano sia il solo modo corretto di credere e che non ce ne siano altri. Tutto ciò che è pieno di altruismo e amore disinteressato è un modo per arrivare a Dio.


Uvacha Volume 4 Discorso Divino Singapore 14/09/2014


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.saiprakashana.com/home/it/templates/gk_storebox/html/com_k2/templates/default/category.php on line 191

Log In or Register